Il lancio del bouquet da sposa. Si o no?

30 Marzo 2020

Care ragazze, vi dico la verità, ho deciso di scrivere questo articolo perchè ho letto una riflessione di Jen Glantz, autrice di best seller e fondatrice di Bridesmaids for Hire, parlo di una donna che ha fondato nel 2014 un’agenzia per “damigelle a noleggio”, esperte professioniste che si prendono cura delle necessità della sposa. Jen sostiene che il lancio del bouquet sia una tradizione superata, talvolta un po’ crudele. Bisogna dire che il suo punto di vista è modernista, tuttavia forse vi è capitato di assistere a matrimoni in cui viene annunciato il “fatidico” momento del lancio del bouquet ma le ragazze non accorrono con grande gioia, come molti si aspetterebbero. Ma come è possibile? Soltanto timidezza?! Andiamo per ordine. Qui troverete le risposte alle domande più comuni poste dalle mie spose sulle origini della tradizione, su come si porta e quando si lancia il bouquet, su chi dovrebbe consegnarlo. Alla fine ci sono alcune dritte su quando non si dovrebbe lanciare il bouquet secondo la mia esperienza da wedding planner.

 

Se siete alla ricerca di ispirazioni per i fiori di matrimonio, date un’occhiata ad altre nostre idee https://www.solevents.it/it/matrimoni-eventi-toscana/galleria-foto/

 

LE ORIGINI DEL LANCIO DEL BOUQUET DA SPOSA

 

Esistono diverse versioni sulla nascita della tradizione del lancio del bouquet. Una prima ipotesi è che derivi dall’epoca pre-cristiana quando le spose, durante la cerimonia, tenevano in mano ramoscelli di mirto o rosmarino, simboli di fedeltà e fecondità.

Altre notizie del bouquet da sposa si hanno intorno al 1300 d.C. in Europa, quando non venivano lanciati i fiori ma un pezzo del vestito della sposa, ritenuta una persona benedetta in quel giorno speciale. Come potete immaginare, questa abitudine ha poi lasciato il posto al bouquet per il dispiacere di rovinare un abito tanto bello e importante per le donne. Secondo la tradizione inglese, fu proprio la sposa, esausta perchè gli ospiti non si staccavano mai dal suo abito, ad iniziare a lanciare il bouquet per scappare con lo sposo in camera da letto. Diciamo che quest’ultima non è proprio la più romantica delle versioni.

Pare che i fiori d’eccellenza per il bouquet da sposa fossero i fiori d’arancio o zagare dall’arabo zahara, infatti nel 1600 alla corte turca di Istanbul furono definiti come i fiori prediletti delle nozze in quanto il loro significato nel linguaggio dei fiori era proprio “proposta di matrimonio”. Sapete che esiste anche una leggenda sui fiori d’arancio? Un re spagnolo ricevette in dono da una bellissima ragazza un albero di arancio, che piantò nel giardino del castello. Un giorno un ambasciatore vide il bell’albero e chiese se potesse averne un ramoscello ma il re rifiutò, categoricamente. L’uomo desiderava così tanto un po’ di quell’albero profumato che si rivolse al giardiniere, domandandogli un fiore in cambio di 50 monete d’oro. Con tanto denaro, il povero giardiniere potè dare la dote alla figlia, che riuscì a sposarsi. Il giorno delle nozze, la sposa adornò i capelli con un ramo di fiori d’arancio in onore dell’albero profumato che le aveva permesso di avverare il sogno del matrimonio.

Oggi ogni sposa sceglie la tipologia di fiore che preferisce per il bouquet, cercate di abbinare i colori al tema principale del matrimonio 😉

 

COME PORTARE IL BOUQUET DA SPOSA

 

Il bouquet da sposa si tiene ad altezza della vita, all’incirca dell’ombelico. Se è di forma rotonda, tenetelo con entrambe le mani, rende la figura aggraziata e composta. Se si tratta di un bouquet a fascio, portatelo con una sola mano, appoggiato sull’avambraccio. Cercate di non tenere le braccia e i gomiti troppo aperti, è preferibile che accompagnino la silhouette lungo il busto.

 

QUANDO LANCIARE IL BOUQUET DA SPOSA

 

 

I momenti per il lancio del bouquet da sposa sono due: dopo la cerimonia o tra la fine del ricevimento e il taglio della torta nuziale. Di solito le spose preferiscono farlo dopo il ricevimento, sia per avere il bouquet durante il servizio fotografico di matrimonio sia per lanciarlo in un angolo scenografico in location, di solito si prediligono le scalinate o  le terrazze. Se il vostro ricevimento di matrimonio è serale fate attenzione: individuate una zona abbastanza illuminata per lanciare il bouquet in modo che i vostri fotografi abbiano una luce sufficiente per uno scatto spettacolare!

 

CHI CONSEGNA IL BOUQUET DA SPOSA

 

Secondo la tradizione, il bouquet dovrebbe essere regalato dallo sposo come ultimo dono da fidanzati, tuttavia non può essere lui a consegnarlo perchè è considerato di cattivo auspicio vedere la sposa prima delle nozze. Per questo motivo, il bouquet viene fatto recapitare direttamente a casa della sposa la mattina stessa del matrimonio oppure viene recapitato dalla madre dello sposo. Se siete superstiziose, vi interesserà sapere che il bouquet deve passare per 3 diverse mani per essere di buon auspicio. Di solito si intende il passaggio sposo- sposa- donna nubile, ma se non avete intenzione di lanciare il bouquet potrebbe essere una buona idea affidarsi alle mani della suocera 😉

In generale, ormai le spose scelgono e acquistano in totale autonomia il bouquet da sposa, anzi, essendo un accessorio personalizzato e abbinato all’abito, non vogliono che lo sposo lo veda prima della cerimonia!

 

QUANDO NON LANCIARE IL BOUQUET DA SPOSA

 

Ci sono diversi casi in cui non si lancia il bouquet. Se soffrite all’idea di separarvi dal bouquet, vi consiglio di acquistarne uno più piccolo per il lancio. Se inoltre avete una persona speciale tra gli ospiti e vorreste che fosse lei a prendere il bouquet, donateglielo semplicemente: è un bel gesto d’affetto. Se poi volete essere super partes, preparate dei piccolissimi mazzolini o addirittura dei fiori singoli da regalare alle ragazze nubili presenti.

Il mio consiglio da wedding planner è valutare alcuni aspetti, nessuno conosce le invitate meglio della sposa. Sapete di avere 4 o 5 amiche che sicuramente parteciperebbero volentieri a questo momento? State serene, scegliete una bella canzone come Single Ladies di Beyoncè e divertitevi! Se la maggioranza dei vostri ospiti ha più di 40 anni e le vostre amiche più care sono già sposate o, peggio, hanno avuto relazioni finite male, sappiate che difficilmente coinvolgerete molte persone. Per la sposa può essere imbarazzante non avere ragazze nubili che strepitano per accaparrarsi il bouquet ma sappiate che anche per alcune donne è doloroso mettersi in mostra in questa situazione, soprattutto se il matrimonio non è proprio nei loro progetti.

Se quindi siete dubbiose sul daffarsi, ricordate che potete creare piccoli mazzolini o preparare dei singoli fiori da dare alle ragazze nubili presenti. Sarebbe sicuramente un gesto apprezzato e nessuno mai si sentirebbe in difficoltà!

 

 

 

 

Categories
Curiosità
Author
Sara Sollazzi
  • Rimani in contatto con noi