Un romantico matrimonio a Firenze

17 Luglio 2018

Oggi vi racconto la storia di una principessa dei giorni nostri, una ragazza con un cuore grande e con la faccia pulita che desiderava profondamente sposarsi a Firenze perché aveva dei ricordi indelebili connessi a questa pittoresca città e sapeva che non avrebbe potuto organizzare il matrimonio altrove. Sono certa che siamo tutte d’accordo su un punto: a una bella principessa serve un affascinante principe.  Noi, naturalmente, ce l’abbiamo, quindi iniziamo il racconto di questa storia d’amore. Venite a scoprire il romantico matrimonio a Firenze di Elisa ed Edoardo.

 

LA CERIMONIA NUZIALE

 

Prima di tutto, il tema di questo romantico matrimonio a Firenze era “Corri la vita con la persona che ami” perchè la sposa e lo sposo erano entrambi maratoneti e gli allestimenti erano composti prevalentemente da rose avorio e ramoscelli d’olivo. La cerimonia si è svolta nella Basilica della Santissima Annunziata, il più importante santuario mariano di Firenze, si tratta di una stupenda cattedrale rinascimentale. Sposarsi qui è piuttosto difficile perché sono necessari molti permessi e perché non è semplice da raggiungere, ma non dimenticate che il mio lavoro è aiutare le coppie a risolvere le varie problematiche organizzative. Se fissare una cerimonia alla Santissima Annunziata di Firenze fosse semplice, potrebbero farlo tutti 😉

 

 

IL RICEVIMENTO IN VILLA

Elisa ed Edoardo hanno scelto per il loro ricevimento di nozze una bellissima villa storica con una spettacolare vista su Firenze. La sala della cena nuziale era illuminata da un prezioso candelabro di cristallo che abbiamo acceso solo all’entrata degli sposi… è stato davvero magico!

Passiamo a qualche curiosità sulle decorazioni, partendo dal tableau de mariage. Era un’accurata stampa su canvas inserita in un’elegante cornice dorata; ogni tavolo era nominato con un’emozione che legava gli sposi alla loro grande passione in comune, la maratona, che nel matrimonio era paragonata al percorso della vita da fare insieme. Gli ospiti potevano quindi leggere sui loro tavoli parole come “Amore”, “Complicità”, “Rispetto” e così via. Il menù posto sul sottopiatto d’argento ed era abbracciato dal tovagliolo con un ramoscello d’olivo posizionato delicatamente sul fronte.

 

LA WEDDING CAKE E IL PRIMO BALLO

La parte più dolce del matrimonio, in tutti i sensi, è stato il taglio della wedding cake. Era una torta a quattro piani con una cascata laterale di rose avorio e foglie di olivo, riprese alla base e alternate da romantiche candele. Come in ogni favola che si rispetti, i nostri sposi hanno aperto le danze in una magica atmosfera, resa ancora più memorabile  dall’affetto delle famiglie e degli amici che in quel momento hanno lasciato cadere diverse lacrimucce di commozione… anche se mi succede raramente, devo dire che tra le tante lacrimucce c’erano anche quella della wedding planner!

A tutte le “principesse” là fuori: qualunque sia la vostra idea di matrimonio da sogno, ricordate che non c’è bisogno di baciare un rospo per sposare il vostro principe e avere un matrimonio da favola. Scrivetemi e parliamone insieme 🙂

Photo by Thomas Harris Photographer

Categories
Sposi e stili
Author
Sara Sollazzi
  • Rimani in contatto con noi